Viagra online
www.flickr.com

Se uno nasce quadrato non muore tondo

novembre 14, 2007 12:26 pm

Il mio più caro amico mi ha recapitato un regalo la settimana scorsa.. un libro.
La dedica è “c’è cultura e cultura”.


Copertina-Gattuso

Dalla copertina capite di cosa si tratta: Gennaro Gattuso – Se uno nasce quadrato non muore tondo.
La scelta non è casuale. Io sono un ammiratore di Gattuso, lui rappresenta per me il senso vero dello sport, dell’agonismo, e perché negarlo? Del mio essere milanista (anche se il mio interesse per il calcio giocato e parlato ha raggiunto ormai lo 0).
Ovviamente l’ho divorato in nemmeno una settimana. Non che sia un mattone di letteratura, intendiamoci! Ma è ben scritto (incredibile vero?!? 🙂 ) e molto gradevole.

Il libro racconta la storia umana (forse meglio dire calcistico umana) di un ragazzo calabro arrivato sul tetto del mondo grazie al cuore e ai polmoni. Tanti aneddoti, non solo su di lui ma anche su compagni e avversari, e qualche riga di retorica di troppo, sul tifo, sugli arbitri, sul movimento.

Ho trovato anche qualche spunto interessante, anche se ovviamente non sviluppato a fondo. Per esempio:

Ne ho viste tante di persone che hanno abbandonato la Calabria per andare a cercare fortuna altrove, al Nord o all’estero. Partivano con in mano la famosa valigia di cartone che si vede nei film, sul volto la paura e la sofferenza di chi non può nulla contro la miseria e la fame. Pure mio padre e mia madre, a diciassette anni, hanno dovuto lasciare la propria terra per un breve periodo, destinazione la Germania: due paisà all’estero a fare gli operai per pochi marchi, un culo tanto per dare un po’ di futuro a loro stessi e alla loro famiglia.
Io invece non sono partito per fame, e nemmeno con la valigia di cartone: altri tempi e altra storia. Io non sono scappato, ho voluto solo seguire un sogno, il mio sogno.

Capirete bene che non potevo non citare questo brano nel mio blog. In ricordo e in rispetto di tutti quegli emigranti che sono partiti in tempi diversi e con storie diverse dalla mia.

La parte più bella del libro è la prima, il racconto della Calabria, dell’infanzia, del pesce e delle marachelle.

Una cosa alla fine del libro rimane, Ringhio è un uomo vero, probabilmente molto diverso da quello che appare nella foto di copertina.

P.S.
Grazie ancora del regalo ciccio!

Nessun tag al momento

Nessuna risposta a “Se uno nasce quadrato non muore tondo”

This blog is protected by dr Dave\'s Spam Karma 2: 147257 Spams eaten and counting...