Viagra online
www.flickr.com

GMail Imap: finalmente provato. Ecco anche un tutorial

novembre 19, 2007 3:11 pm

Mi hanno fatto sudare non poco quelli di Google… ho aspettato per quasi due settimane che sulla mia pagina impostazioni apparisse l’opzione per abilitare l’accesso via IMAP. Alla fine mi sono rotto e ho cercato un po in giro sulla rete per capire come mai tutto questo ritardo…

E ho scoperto che in realtà il ritardo è solamente legato alla modifica della pagina, infatti ormai tutti gli account sono stati migrati sui server imap. Se avete già abilitato l’accesso via POP3, siete sicuri che avete anche l’accesso IMAP.
Provato, e infatti da sabato riesco ad accedere alle mie mail su Thunderbird usando il server imap.gmail.com.

E ragazzi.. vi cambia la vita!!! Finalmente riesco a tenere sincronizzati in maniera perfetta due PC (casa e ufficio) e l’interfaccia Web.

Ad essere sinceri serve qualche trucchetto per rendere il tutto perfetto, ma se seguite questo semplice tutorial (in inglese) tutto sarà pronto in meno di 5 minuti.

Oltre al nuovo server IMAP, ho anche provato l’aggiunta di nuovi indirizzi al mio account gmail. In pratica andando sulla parte “Account” del vostro conto gmail potete aggiungere i vostri altri indirizzi di posta. GMail andrà automaticamente a recuperare le mail dagli altri conti e le importerà nel vostro conto GMail.
Grazie all’uso appropriato delle etichette, e alle varie impostazioni disponibili, potete in pratica dimenticarvi di tutti gli altri indirizzi che avete.

Dati tutti questi vantaggi ho deciso di usare di più il mio account gmail de “Il Nissardo”, in modo da scollegare l’email di contatto dal dominio che attualmente uso. Ho quindi creato un account (indovinate?!? ilnissardo(chiocciola)gmail.com) e ho aggiunto l’indirizzo ilnissardo(chiocciola)free.fr cosi gestendo solamente l’account gmail riesco ad avere pieno controllo sia sulle vecchie mail che sulle nuove, oltre a rendere graduale la migrazione al nuovo indirizzo.

P.S. Quindi ricordatevi di cambiare il mio indirizzo email in rubrica 🙂

3 risposte a “GMail Imap: finalmente provato. Ecco anche un tutorial”

Sleeping ha scritto un commento il novembre 20, 2007

Quindi se adesso volessi scriverti, lo devo fare a ilnissardo su gmail e non su free, giusto?
PS: se non sbaglio, basta impostare la lingua di Gmail in inglese per avere l’IMAP attivato. O almeno, per me è bastato fare così 😀

Ciao
🙂

ilnissardo ha scritto un commento il novembre 20, 2007

Non per me. Io avevo già tutto in inglese.. ma non c’è stato verso di vedere IMAP nelle mie impostazioni. L’importante è che alla fine ce l’ho fatta 🙂

Ora puoi scrivermi ad entrambi gli indirizzi, quello su free viene automaticamente integrato nell’account gmail.

In futuro, nel caso dovessi trasferire il sito su un altro dominio, potrei cosi continuare a usare gmail per le mail indipendentemente dalla soluzione di hosting.

Sleeping ha scritto un commento il novembre 20, 2007

OK. Grazie 🙂

This blog is protected by dr Dave\'s Spam Karma 2: 147257 Spams eaten and counting...