Viagra online
www.flickr.com

La MPAA predica male e razzola peggio

febbraio 19, 2007 6:34 pm

Lo so che il detto dice predica bene e razzola male.. ma non ce la faccio proprio a dire che l’MPAA predica bene. Non che io sia a favore dei pirati o della violazione del diritto d’autore, non a priori per lo meno, ma è chiaro che il clima da crociata che stanno portando avanti difficilmente trova esseri pensati d’accordo.
Ma considerazioni etico/morali a parte, la notizia è di quelle che fa sorridere, la MPAA potrebbe essere accusata di violazione dei termini di licenza, proprio quello per cui loro si fanno paladini!

La notizia è apparsa qualche giorno fa sul blog di Patrick Robin, autore del tool per piattaforme di blogging in asp, Forest Blog.
Il tool sviluppato da Mr. Robin è sotto licenza LinkWare, in pratica liberamente scaricabile e utilizzabile purché vengano mantenuti intatti tutti i link e le indicazioni di copyright incluse dall’autore. Queste possono essere tolte previa un pagamento di una licenza di 25 dollari.
Sembra che l’MPAA abbia invece preso questo tool e “ignorando” la licenza abbia offuscato il codice in questione.
In pratica ha violato palesemente i diritti d’autore.
Ovviamente lo stesso Robin osserva che questo è il frutto di un errore (o di pigrizia) di un impiegato poco accorto dell’MPAA, ma vista la strategia secondo la quale una società è direttamente imputabile per le violazioni di diritto d’autore di un suo impiegato, Robin potrebbe combattere l’MPAA usando esattamente gli stessi strumenti usati per attaccare madri di famiglia o ragazzine di 12 anni.
Ovviamente nel frattempo i contenuti incriminati sono spariti, e l’MPAA si è giustificata con Mr. Robin dicendo che quel blog era destinato solamente ad una sperimentazione interna e nel caso avessero ritenuto il prodotto valido non avrebbero esitato a pagare i 25$ di licenza.
Che bello! Il punto è che anch’io vorrei scarimarmi un bel DivX di un film che ho visto uscire ieri in DVD, per valutarlo e vedere se mi piace. Se mi piace non avrò nessun problema a pagare gli XX$ che servono per comprarlo, posso farlo vero cara MPAA? Come dite? No?! Ma se loro l’hanno detto.. non capisco. Come rischio la galera? Ma no di certo, è solo per uso interno e nel caso valga non mancherò di pagare il dovuto!! Come dite? Non funziona cosi?
Ma la legge non era uguale per tutti?
Ah no è vero.. se si è figli del CEO di Warner Music, e si scarica musica col P2P è solo una birichinata senza conseguenze legali, se si è figli di altri.. allora è diverso!.

Mr. Robin non farà nessuna azione legale, questo è quasi scontato, e io lo capisco.. ma come sarebbe bello se..

3 risposte a “La MPAA predica male e razzola peggio”

PB ha scritto un commento il febbraio 20, 2007

Dovrebbe farla invece! So che è come spararsi a 200Km/k contro un mulino a vento, oltretutto comporterebbe costi decisamente alti, ma è una questione di principio.
Il prossimo che mi viene a dire che non sono associazioni a delinquere, giuro che lo inchiodo!!!

sb_doc ha scritto un commento il febbraio 21, 2007

Ciao,
magari arrivo un po’ tardi, ma l’esperimento mi sembra riuscitissimo, davvero bello!
Spero continui.

Comunque grazie per questa perla

Ciao!

ilnissardo ha scritto un commento il febbraio 21, 2007

Ciao sb_doc, credo tu ti riferisca all’episodio Itacast del podcast.

Grazie, grazie davvero, anche a nome di Michele!

This blog is protected by dr Dave\'s Spam Karma 2: 147257 Spams eaten and counting...