Viagra online
www.flickr.com

L’ingresso nel WTO passa per gli mp3

novembre 30, 2006 5:21 pm

E’ oramai ufficiale, la Russia entrerà a far parte del WTO. Mr. Putin ha infatti accolto tutte le richieste USA: e vi ricordate quali erano queste condizioni? Erano diverse, ma ad uno dei primi posti c’era la chiusura del sito AllofMp3.com, il secondo sito di vendita di musica on line al mondo, dopo ITunes.
Infatti la RIAA ha iniziato da diversi anni una guerra tutta particolare contro questo sito, che per chi non lo conoscesse vende musica non protetta da DRM a prezzi bassissimi (se comparati a quelli di ITunes). AllofMp3 è accusato dalla RIAA di pirateria, visto che il sito non ha mai preso accordi con gli americani; i gestori di AllofMp3 ribattono dicendo che loro sono conformi alle leggi russe, e pagano normalmente i diritti alla SIAE russa.

Io non ho idea di chi abbia ragione.. e personalmente non ho mai acquistato da AllofMp3 perché una volta ci ho provato e qualcosa non è andato per il verso giusto, da allora ho lasciato perdere.
Ho però degli amici che lo hanno usato, e sono rimasti favorevolmente colpiti: il prezzo non è l’unico vantaggio di AllofMp3, anche se indubbiamente non è una caratteristica da sottovalutare, la cosa più apprezzabile è l’uso di formati non DRM, e la possibilità di scegliere il formato desiderato e il livello di compressione, per ogni singolo album o brano. Cosa non da poco! Se acquistate un album pop, anche un mp3 a 128Kbps vi va bene, ma se siete dei patiti di musica Jazz o di musica classica, è probabile che un FLAC sia molto meglio!

Comunque, la RIAA sembra averla avuta vinta, come testimonia questo documento.

Ma AllofMp3 è ancora aperto, e dalle ultime dichiarazioni non sembrano gettare la spugna, e anzi hanno dimostrato come il loro sito non solo è legale in Russia (come hanno sempre sostenuto) ma è legale anche per gli utenti Americani che comprano da loro.
Anche Slyck.com sembra essere dalla parte del sito Russo, evidenziando come AllofMp3 abbia un merito indiscusso, quello di aver portato alla ribalta le problematiche legate ai diritti dei consumatori, legate al DRM e alla portabilità dei contenuti acquistati.

Staremo a vedere!

Ma la cosa che più mi sconvolge è che la chiusura di un negozio online possa essere usata come condizione per far entrare un paese come la Russia nel WTO… e i Turchi se la prendono perché per entrare in Europa gli chiediamo di abolire la pena di morte..

Nessuna risposta a “L’ingresso nel WTO passa per gli mp3”

This blog is protected by dr Dave\'s Spam Karma 2: 147257 Spams eaten and counting...