Viagra online
www.flickr.com

Convertire un’installazione Windows in un’immagine VMWare

maggio 15, 2007 2:05 pm

Come vi ho già detto sto preparando tutto per migrare (spero definitivamente) sotto linux il mio PC principale. Una delle cose di cui ho bisogno assolutamente è avere accesso alla mia istallazione Windows al meno per i primi tempi (ci vorrà un po prima di trovare tutti i sostituti al software che uso).
Ovviamente potrei farlo usando un dual boot.. ma vorrei evitarlo, perché con un dual boot mi troverei a riusare molto spesso Windows anche per cose che posso fare sotto linux semplicemente per evitare di fare un reboot.
La soluzione è allora ovvia.. virtualizzare la mia attuale installazione Win, cioé metterla dentro un’immagine VMWare che poi posso usare sotto linux per lanciare una macchina virtuale quando ne avrò bisogno.
E VMWare è stata talmente “gentile” da creare un prodotto che fa proprio questo, e renderlo disponibile gratuitamente sul loro sito. Il prodotto si chiama VMWare Converter
Leggendo qualche informazione in rete sembra veramente semplice da usare, basta usare qualche piccola accortezza (tipo chiudere tutte le applicazioni prima di lanciarlo).
Ma per essere proprio professionali al 100%, ecco un bel tutorial che vi guida passo passo alla creazione della vostra immagine e all’esecuzione della stessa sotto linux.

9 risposte a “Convertire un’installazione Windows in un’immagine VMWare”

Gian Marco ha scritto un commento il maggio 15, 2007

Grazie per la segnalazione! Questo mandera’ in pensione i miei dd 😉

ilnissardo ha scritto un commento il maggio 15, 2007

Ho appena finito di creare l’immagine VMWare del mio PC in ufficio. L’intera procedura è durata 10 minuti.
Solo due problemi:
1- L’immagine VMWare creata aveva 2 CPU nelle specifiche, quindi non poteva essere lanciata con la versione gratuita del VMWare player. Poco male, ho modificato vmx con un editor di testo e messo una sola CPU.
2- Una volta lanciata l’immagine tutto bene fino al log in. Una volta fatto il log in un simpatico messaggio di WindowsXP mi dice che la copia deve essere validata (questo perché ovviamente l’hardware è cambiato visto che adesso è virtuale). Purtroppo non lo posso fare, visto che la licenza di WindowsXP è già registrata con la copia che gira sulla mia macchina.

Quindi direi che il procedimento ha funzionato perfettamente, ma in realtà non posso usarlo. A casa il problema non ci sarà visto che la copia “vera” di WindowsXP la eliminerò quindi posso tranquillamente migrare la licenza sulla macchina virtuale.

Che palle ste licenze 🙂

Claudio - Di@naLogic ha scritto un commento il maggio 15, 2007

Ottima scelta facci sapere come va, perchè mi sa che prima o poi toccherà a tutti fare questo trasloco

Alex - Microsmeta ha scritto un commento il maggio 16, 2007

@Mapo (stiamo compiendo tutti lo stesso esodo 😉 .. ti rispondo qui…)

@Claudio

Dopo essermi scaricato ed installato UbuntuStudio, ho deciso di tornare indietro perchè, anche se bello, il tema installato simile a Vista, è un po’ troppo cupo e faticoso per la vista (bel gioco di parole 🙂 ). Per cui ho installato tutti i programmi consigliati + altri , direttamente in Ubuntu 7.04 Desktop, preferendolo di molto come funzionalità di setup e impostazioni dei colori anche se probabilmente avrei potuto semplicemente rimettere il tema standard (ma quindi… perchè non usare l’ .iso classico??? La versione di default è sicuramente più testata e stabile delle varie sottoversioni modificate e oltretutto condividono lo stesso identico repository dei programmi…)

ken ha scritto un commento il giugno 7, 2007

E’ bello vedere che siamo in tanti a voler relegare il vecchio windows in una finestra 😉
Grazie per il link, era proprio quello che stavo cercando!
Spero solo di non avere troppi problemi con la procedura di validazione. Ho una copia originale, sarebbe assurdo non poterla utilizzare come preferisco.

ilnissardo ha scritto un commento il giugno 7, 2007

Ciao Ken!
Dipende dalla tua copia.. se è una OEM mettiti l’anima in pace, dovrai spippolare non poco, e MS non ti aiuterà.
Se invece si tratta di una licenza non OEM, allora non avrai problemi, dovrai solamente comunicare a MS (non mi chiedere come, non lo so) che hai cambiato hardware, da ora in poi l’hardware su cui il tuo OS gira è quello della virtual machine.

lpalli ha scritto un commento il giugno 8, 2007

Non ho esperienze con Windows, ma nella peggiore delle ipotesi devi telefonare per fare una riattivazione manuale. In principio non dovrebbero esserci problemi.
Recentemente ho dovuto “spostare” una licenza di Office 2003 (era attivata da 2 anni circa) e non ci sono stati problemi d’attivazione, è funzionata direttamente quella web, ma ho il sospetto che per Windows sono un po’ più esigenti.

ilnissardo ha scritto un commento il giugno 8, 2007

Luca il problema sono le licenze OEM. Sono una palla diciamocelo. E’ vero che le paghi poco, ma se poi vuoi cambiare qualche pezzo nel PC stai fresco..
Io in ufficio ho una licenza OEM, quindi legata alla macchina. Non ci provo nemmeno a chiamare MS per spostarla su un’immagine virtuale, tanto so la risposta.
Poi dicono che la gente cracka 🙁

Cosa diversa se hai una licenza del sistema completa (Acquistata a parte e non in bundle con il PC) perché allora la puoi trasferire senza problema, ma se non mi sbaglio, ti serve di avere ancora il vecchio PC per poter recuperare dei dati.

Comunque è tutto un casino.. principale ragione per cui sto migrando tutto a linux.

lpalli ha scritto un commento il giugno 8, 2007

@ilnissardo: ho dimenticato di specificare che queste “migrazioni” di licenze sono fattibili solo per licenze complete, le OEM invece sono praticamente bloccate.

This blog is protected by dr Dave\'s Spam Karma 2: 147257 Spams eaten and counting...