Viagra online
www.flickr.com

Zatoo: prova su strada

gennaio 21, 2008 3:29 pm

Qualche giorno fa mi è arrivata una mail che aspettavo da un po: “Puoi cominciare ad usare Zatto“!

Infatti il servizio è dalla settimana scorsa disponibile anche in Francia. Direttamente dal blog della società:

„La télé en direct sur PC“ has come to France with a long-legged starter channel line-up. We have France 2, 3, 4 and 5 for you, Direct 8, arte France, TV5 Monde, La Chaine Parlamentaire, and an exquisite choice of international channels for news junkies, luxury bunnies, video addicts, and the ex-pat homesick society. And there are more to come in the future! No Italian channels so far, though …

Era l’ora! Se ne parlava da settembre scorso!
Ovviamente sono corso a scaricarmi il programma e a fare la registrazione.

Prima sorpresa positiva, il client esiste anche per linux. Un punto a favore!

L’installazione (fatta su due PC diversi, uno con linux e l’altro con WinXP) è filata liscia come l’olio, messo username e password ed è apparlo il video di France2.

Prima impressione? Sul PC discreta… sulla TV di salotto (40 pollici LCD) decisamente inguardabile! Pixel grossi come costruzioni del lego (la cosa è andata meglio quando ho spento BitTorrent che scaricava da Jamendo 😉 ).

L’interfaccia è molto spartana, il che non mi dispiace, se non fosse che gestirla con un telecomando non è immediato, e anche usare tastiera e mouse da 6-7 metri di distanza non è proprio semplicissimo.

Considerando poi che sono gli stessi canali che posso avere sul digitale terrestre e che per adesso non ci sono canali italiani.. diciamo che dal salotto verrà presto rimosso.

Rimane il PC: qui la qualità diventa accettabile, quasi godibile su uno schermo da 15 pollici (anche su un 19 non deve essere troppo male).

L’occupazione di banda è notevole, ma non superiore ad altre soluzioni simili (vedi Joost); il ritardo d’immagine rispetto al digitale terrestre è di qualche secondo; per quel poco che ho potuto vedere il segnale è abbastanza stabile, non ci sono troppi frame mancanti (di quelli che fanno gli artifatti tipo effetti speciali di terminator 2), e non ho mai avuto un blocco totale dell’immagine (cosa che mi capitava a volte con Joost). Il cambio di canale è ovviamente un po lento, ma rimane accettabile (ovviamente non è una soluzione adatta se avete la sindrome da zapping convulsivo).

In generale mi piace l’idea, anche se la vedo attualmente di poco interesse pratico per alcuni motivi:

  • L’offerta ricalca quella del digitale terrestre francese (o meglio.. ne prende una sotto parte), e si scontra con l’enorme differenza qualitativa dell’immagine, nonché con la facilità di accesso (non serve un PC).
  • La presenza di qualche canale internazionale potrebbe renderlo interessante, se non fosse che in Francia ogni provider ADSL offre un insieme di canali in IPTV che includono spesso tutti i canali Free-To-Air europei, con qualità comunque superiore a quello che Zatoo sembra riuscire a fare ad oggi
  • D’altra parte l’azienda non si vole proporre come soluzione per il salotto, quanto come una soluzione per avere la TV nei PC. Questo da una parte li mette al riparo dalla concorrenza dei media tradizionali, dall’altra li fa scontrare con altri tipi di soluzioni sempre molto diffuse in Francia. La prima è quella dell’IPTV accessibile in tutti i PC della rete domestica (in Free.fr questa si chiama Multiposte) tramite flusso multicast: molti dei canali accessibili tramite Set-Top-Box sono accessibili usando VLC o player simili da qualsiasi PC collegato alla LAN. Quasi tutti i provider stanno iniziando a fornire servizi simili. Se a questo si aggiunge che una chiavetta USB per il digitale terrestre costa dai 30 ai 50 euro..
  • Vedo invece un campo di applicazione all’interno degli uffici, anche se conosco pochi amministratori di rete che tollereranno il consumo di banda che una soluzione del genere comporta.

La mia conclusione (ma mi prometto di continuare ad usarlo e vedere se non cambio idea) è che Zatoo arriva troppo tardi, in un mercato molto avanzato (forse il più avanzato al mondo) nel campo dell’IPTV: se Joost e/o Bablegum possono tentare un marketing basato sulla differenziazione dei contenuti, Zatoo ha poche armi dalla sua.
Ed è un peccato, visto che dal mio punto di vista è l’unica soluzione di TV P2P che risponde veramente ad un bisogno, quello della TV in diretta via IP svincolata dall’infrastruttura del provider.

E’ comunque vero che Zatoo ha la tecnologià per creare questa soluzione (lo stesso non si può dire per le altre soluzioni che non sono altro che piattaforme di P2P con dei bei frontend grafici) e non mi sorprenderebbe vedere questa tecnologia integrata in futuro dentro qualche STB o qualche suite di Media Center.

7 risposte a “Zatoo: prova su strada”

Michele ha scritto un commento il gennaio 21, 2008

Mhhh io sono corso a loggarmi con l’account che avevo creato in Svizzera dai miei… poi mi sono ricordato che se ti chiami il Nissard c’è un motivo -_-‘

Alex - Microsmeta ha scritto un commento il gennaio 21, 2008

..A me basterebbe riavere France 2 che mi hanno tolto dopo vent’anni di “telespettanza” .. poi France3, 4, 5 (documentari) e Arte li vedrei anche in versione Lego. Ma qui c’è sua Emittenza, i canali culturali non sono
ben accetti, solo nani e ballerine!

Frankie ha scritto un commento il gennaio 21, 2008

io ti odio: perchè tu che stai in francia devi avere tutto e noi quì in italia nulla? uffa 😐

no scherzo, non ti odio. sei uno dei miei geek preferiti 🙂

CasaPizza ha scritto un commento il gennaio 22, 2008

Ciao Andrea,
sono Bea, so che non è la stessa cosa, indubbiamente i cortometraggi di artisti sconosiuti ai più non è some avere disponibili i canali delle grandi emittenti, ma “streamit” (www.streamit.it) è un esperimento interessante e a mio avviso con grandi potenzialità, purtroppo non ho una preparazione tecnica da poterne valutare bene ogni aspetto, ma avendolo testato su un 42”plasma con una connessione adsl “ridicola”(2MB “supposti”), devo dire che la qualità dell’immagine è altissima e non subisce ritardo alcuno.
Ti ripeto che non ho una preparazione adeguata per effettuare una valutazione tecnica, pertanto mi rimetto al tuo giudizio e dato che si tratta di un progetto tutto italiano, ci terrei a sapere cosa ne pensi e se posso continuare a vantarmi del nostro ingegno….date le ultime vicende politico-sociali del nostro paese ci si consola come si può!:)
grazie mille!

ilnissardo ha scritto un commento il gennaio 22, 2008

@Alex: concordo con te. La mia analisi infatti punta tutto sul fatto che se Zatoo fornisce canali che già sono accessibili via DVB-T o IPTV, la cosa non ha senso. Discorso completamente diverso invece se la piattaforma viene usata per accedere a contenuti altrimenti non disponibili. Io mi sarei aspettato alcuni canali italiani (mediaset+La7 visto che la RAI già la prendo via IPTV) e invece la proposta attualmente è solo di un sott’insieme di canali francesi presenti già in DVB-T,

@Frankie: dalle tue parti c’avete i taralli, la mozzarella e il caciocavallo.. io ti invidio per questi 🙂

@Bea: grazie a te ho scoperto questo servizio. Sono andato subito a provarlo dopo aver ascoltato PizzaCast episodio 01 e con mia grande gioia ho visto che funziona anche in Francia. Mi sono dato un po di tempo prima di scrivere un post che ne analizzasse bene la cosa, ma già dai primi test devo concordare che la qualità è buona. E dietro c’è una cosa che mi ha stupito enormemente.. l’uso di RMTP per arrivare dietro le DSLAM (appreso da te visto che sul loro sito non ho trovato niente a riguardo, se mi mandi un link dove leggere qualcosa te ne sarei grato).
Sinceramente non pensavo che i provider italiani fossero attrezzati per supportare RMTP fino all’ultimo miglio. Da un punto di vista tecnico si tratta di una delle prime applicazioni che ho visto destinate al pubblico, quindi doppiamente interessante.
Se poi consideri che conosco personalmente una delle persone che stanno dietro alla versione 1.0 del protocollo 🙂
Se ne sai di pià parliamone via mail, la cosa che mi interessa di più è sapere come sono riusciti ad usare RMTP senza stringere accordi con il backbones e con i provider ADSL.
Una nota che renderà molto contenti alcuni dei miei lettori: funziona sulla Wii!!! 😀

CasaPizza ha scritto un commento il gennaio 22, 2008

ah…….mia moglie……ma quante ne sa! troppo forte!

Alex - Microsmeta ha scritto un commento il gennaio 23, 2008

Che delusione queste WebTV , p2pTV, IPTV, film on demand da web!
iTunes Movie Store se arriverà in Italia sarà un miracolo, Joost non decolla
visti i contenuti che offre (ma perchè non localizzano almeno l’offerta???)
Zattoo offre in ogni nazione gli stessi programmi visibili già in chiaro con un qualsiasi televisore (e con una qualità video migliore).

Internet potrebbe essere il “paradiso interattivo del telespettatore del 2008” e invece è completamento bloccato dalla totale mancanza di
accordi lungimiranti e interessi a lasciare tutto come è stato per 60 anni!!!

E il DTT (in Francia rinominato TNT, tanto per cambiare 😉 ) ..fa finta di essere una “boccata d’aria fresca”…!!!

This blog is protected by dr Dave\'s Spam Karma 2: 147257 Spams eaten and counting...