Viagra online
www.flickr.com

Nissa La Bella

Nizza, dalla promenade alla collina di cimiez

Certo che per un blog chiamato il Nissardo, c’è una cosa che non può mancare… cioè il testo dell’inno di Nizza.


O la miéu bella Nissa
Regina de li flou
Li tiéu viehi taulissa
Iéu canterai toujou
Canterai li mountagna,
lou tiéu tan ric decor,
Li tiéu verdi campagna;
lou tiéu gran soleu d’or.
Toujou je canterai
souta li tieu tournella
la tiéu mar d’azur
lou tiéu ciel pur;
e toujou griderai
en la miéu ritournella:
Viva, viva Nissa la Bella.

L’inno è scritto in Nissardo (Nissart) cioè il dialetto (lingua?) della contea di Nizza. Molto più simile al genovese che non al francese! Ed eccovi la traduzione in italiano:

Oh, mia bella Nizza
Regina dei fiori
I tuoi vecchi tetti
Canterò sempre.
Canterò le montagne
La tua sontuosa cornice,
La tua campagna verde
Il tuo sole d’oro.
Canterò sempre
Sotto i tuoi pergolati
Il tuo mare azzurro
Il tuo cielo puro.
E griderò sempre
Nel mio ritornello:
Viva, viva Nizza la Bella

Se volete ascoltarlo, in rete trovate la versione dei Corou De Berra, un gruppo folkloristico di queste parti. Potete ascoltarla qui.

Nota di folklore, questo è anche l’inno del OGC Nice, la squadra di calcio che milita (con alti e bassi) nella serie A francese. Se visitate Nizza, e avete tempo, potreste andare allo stadio.. l’ambiente è molto gioviale e potreste ascoltare l’inno cantato da tutti i tifosi.. seguito dal grido “Forza Nissa!”.

Un sito molto bello, dal quale potete scoprire le immagini storiche di questa bellissima città, è Nissalabella.net.

Se volete maggiori informazioni sulla città, potete visitare il sito della città di Nizza.

Nessun tag al momento

65 risposte a “Nissa La Bella”

Giuseppe ha scritto un commento il giugno 17, 2009

Ciao Andrea,prima di tutto volevo farti i complimenti per il blog e per la passione che ci metti.Io con la scuola sono andato in gita a maggio a Cannes e siamo passati(inevitabilmente)da Nizza.Uno spettacolo io ho chiesto ai prof.perchè saltiamo come meta Nizza e loro mi hanno risposto che non era nei programmi.Dico ma come è possibile?Siamo andati a Grasse non potevamo andare a Nizza?Sono rimasto molto deluso ed ho promesso che a Nizza(se tutto va bene)verrò verso Agosto perchè credo che sia una città bellissima.Ciao saluti……GIUSEPPE

Il Nissardo ha scritto un commento il giugno 17, 2009

Ciao Giuseppe e grazie del tuo bel commento. Che dire.. rimango senza parole.. io só perché ti hanno portato a Grasse… per far spendere a te e ai tuoi compagni un po di soldi nei negozietti delle profumerie!!! E dire che sicuramente avete saltato posti come Vence o St Paul…
Quanto alla mancata visita di Nizza.. sarebbe come andare in gita a Pisa e non andare a vedere la torre 🙂
Ovviamente giudizi personali!

Se puoi io ti sconsiglio agosto.. non é il mese migliore per visitare Nizza.. meglio giugno o settembre, spenderai meno soldi e sicuramente la troverai piú godibile!

A presto!

Grazia ha scritto un commento il novembre 6, 2009

Ciao amico Nissardo, ciao a tutti
sono una innamorata, innamorata pazza della Cote…e non solo!
Da Nizza a Cannes, ma anche l’entroterra: Vallauris, Mougins,Biot Cabris,Peymenade,Grasse…e le Var…la belle Feyance
Nizza è magica,e le belle sere nel vieux Antibes…i piccoli locali…il mercato dei fiori in tutti i paesini
Confesso, ho una fortuna sfacciata: mia sorella maggiore ha sposato un francese e vive ormai da tanti anni sulla Cote,perciò riesco a vivere questi bellissimi posti un pò più “da dentro” che come turista.Eppure nn mi basta: qui in Italia (Sicilia) io e mio marito abbiamo entrambi un posto di lavoro sicuro che nn ci sogneremmo mai di lasciare (con questa crisi poi),ma se solo potessi scegliere in tutta libertà…

Cyril ha scritto un commento il novembre 26, 2009

Buongiorno, abito a Nizza ed è per caso que ho trovato questo site su Nizza, que è molto interessanto. Vorrei precisare que Nizza non e mai stato una città italiana ma piuttosto occitana e faceva parte della Casa de Savoia. De più, la sua cultura è occitana e la lingua nizzarda non è del genovese, ma una forma locala del provençalo (dialetto dell’ occitano) que ha guardato una certa influenza dell’ italiano. Le parole de “Nizza la Bella” sono scritte nella grafia mistraliana, utilisata en Provença. Ma la vera grafia istorica è la classica occitana, e il canto si scrive così:

O la mieu bèla Niça
Regina de li flors
Li tieu vièlhi taulissas
Ieu canterai totjorn
Canterai li montanhas,
Lo tieu tant ric decòrs,
Li tieu verdi campanhas;
Lo tieu grand solèu d’or.
Totjorn ieu canterai
Sota li tieu tonelas
La tieu mar d’azur
Lo tieu cièl pur;
E totjorn griderai
En la mieu ritornela:
Viva, viva Niça la Bèla.

vittorio ha scritto un commento il dicembre 20, 2009

ho saputo che ieri tutta la cote’ d’azur e’ stata inbiancata da una bella nevicata.Come’ il panorama.sara’ surreale a dir poco.Ha creato dei problemi di circolazione!Voi non siete abituati a tale situazioni,speriamo che tutto passi alla svelta cosi fra’ pochi giorni penso di fare un saltino e godermi un po’ di sole.buone feste Vittorio

Il Nissardo ha scritto un commento il gennaio 4, 2010

Con molto ritardo ti rispondo.. é un periodo veramente pieno e riesco ad occuparmi del sito solo a tratti.
In effetti prima di Natale siamo stati colti da un’ondata improvvisa di freddo e neve. Io attualmente sono in trasferta a Cannes, e qui non é successo nulla, ma amici mi hanno detto che Antibes e Nizza erano tutte imbiancate.. la cosa é durata una giornata.
Già qualche anno fa mi era successo di vedere la prom. coperta dalla neve, ed é effettivamente una cosa surreale… lo scorso inverno mi ero ritrovato con le colline di Antibes bianche per un paio di giorni, ma la neve non era arrivata al mare..
Purtroppo c’è da dire che visto il clima che di solito c’è da queste parti, una nevicata o una forte pioggia paralizzano praticamente tutto.. per fortuna non succede spesso 🙂

Carlo Silvano ha scritto un commento il aprile 26, 2010

Ciao a tutti!
Informo che su fb è nato un gruppo denominato “Nizza italiana”.

Luca ha scritto un commento il luglio 21, 2010

Ciao Nissardo,
La mia sarà forse l’unica voce discordante in questo coro. Anni fa avevo deciso di cambiare vita, sono venuto in quell’angolo di Francia; sono ritornato, attratto sicuramente dal clima, specialmente in inverno, ho comprato un monolocale, ho fatto degli sforzi per trasferirmi definitivamente con un lavoro ma poi ho capito che non è il posto per me. Tralasciando il clima, il mare, la città di Nizza che certamente è bella, quello che conta per me è l’ambiente; è quello che fa scattare in me l’amore per un luogo. Io ci sono venuto tante volte e non avendo mai deciso di trasferirmici, ho vissuto Nizza sempre come turista (turista rispettoso) ma ogni volta che rientravo in Italia non partivo mai con la nostalgia nel cuore per la Francia. Io non ho trovato quell’atmosfera, quella cordialità, quel calore, quell’allegria, quella spensieratezza, quella qualità di vita che ti fanno innamorare del luogo e della sua gente e ti fanno pensare che questo potrebbe essere il luogo dei sogni, il luogo per il quale potresti dire addio all’Italia . Io non discuto sulle maggiori e migliori opportunità di lavoro che offre la costa azzurra soprattutto per un laureato e che quindi lo invitano a scegliere quel tipo di destinazione per dare un migliore futuro a sé e alla propria famiglia, piuttosto il mio accento è più su una libera scelta di vita avendo le stesse opportunità. Dirò di più, nonostante tutto quello che si dice della Liguria (io non sono ligure) secondo me, i borghi liguri hanno conservato un’anima, un’autenticità anche nei prodotti locali della loro terra, nelle tradizioni culinarie, negli abitanti del posto che, per quanto chiusi di carattere, continuano a far vivere la cultura di quella regione, così chiusa fra mare e monti, che in quella zona di Francia, vetrina a tutti i costi, mix di culture così diverse che non è certo sinonimo di integrazione riuscita, io non sono riuscito a percepire forse perchè si è persa ormai da troppo tempo.

Il Nissardo ha scritto un commento il luglio 21, 2010

Ciao Luca. Non credo proprio che la tua voce sia discordante, se leggi bene i miei commenti e quello che ho potuto scrivere su altre sezioni del sito o del forum, ti renderai conto che la mia visione delle cose non è molto lontana dalla tua, con un’unica differenza.. alla fine dei conti la mia bilancia pende dalla parte degli aspetti positivi. Ma è una differenza minima, dettata da interessi, passioni e considerazioni del tutto personali. Tante volte ho diffidato chi urlava ai quattro venti “che bella la costa azzurra, che fortuna che avete a vivere li” dopo averci passato un paio di settimane in vacanza.
Allo stesso tempo ho implorato la calma con gli amici che dopo 6-7 mesi di vita qui erano pronti a partire perchè “qui la vita è un casino, le persone sono chiuse, non mi sento a casa e non sanno fare ne la pizza ne il caffe”.
Io c’ho messo due anni per iniziare ad integrarmi qui, vivo qui da 10 e ancora non mi posso dire del tutto integrato. D’altra parte in Italia non mi sono mai integrato del tutto eppure ci sono nato e c’ho vissuto per 26 anni 🙂
L’apparenza a volte inganna, sia nel bello che nel brutto. Credo che la verità stia sempre un po nel mezzo, probabilmente le cose che tu dici di non riuscire a sentire quando sei qui io le sento, ma ci ho messo 10 anni e due figli (che cambiano radicalmente il rapporto che hai con l’ambiente che ti circonda) per sentirli.
Ma lungi da me l’idea di predicare che la Francia (e la cote in particolare) è meglio dell’Italia! L’unica cosa che posso dirti è che lo è per me, fino ad oggi.. poi domani si vedrà.

Grazie mille del tuo commento, in generale adoro le voci (inteligenti) che cantano fuori dai cori!

ANTONIO ha scritto un commento il luglio 25, 2010

Nizza e’  nizzarda  sempre  LIBERA.

La sua lingua e’ piacevole,  ci ricorda il ligure e anche il piemontese.

 Nizzardi  non mollate !

  Antonio

ANTONIO ha scritto un commento il luglio 25, 2010

Calan de Vilafranca (l’original)

Piemunteis,

senti  custa cansun  su YOU TUBE .

Calan de Vilafranca (l’original)

Federico ha scritto un commento il settembre 20, 2010

Ciao a tutti,

sono prossimo ad un trasferimento in costa azzurra e andrò a lavorare a Sophia Antipolis…qualcuno di voi, che conosce meglio la zona, mi può consigliare dove sarebbe meglio trovare casa?

Mercì Boucoup a tutti!!

Federico 

Il Nissardo ha scritto un commento il settembre 20, 2010

Ciao Federico e benvenuto, sia sul forum che a Sophia 🙂
Magari ti contatto anche privatamente, comunque.. la sistemazione dipende molto da cosa cerchi.. se cerchi la grande città Nizza è la soluzione migliore, ma devi considerare tra i 30 minuti e l’ora per arrivare e rientrare da Sophia. Altrimenti Antibes, Biot e Valbonne sono le zone più vicine.. anche Vallauris non è troppo lontana.. e alla fine Juin Les Pins o Golf Juin sono ancora fattibili, ma ti avvicini ai tempi che servono per Nizza.

Flà ha scritto un commento il gennaio 19, 2011

Caro Luca, con riferimento a quanto dici posso solo chiarire che se hai letto con attenzione il mio commento del 17 aprile 2009, parlo sempre e solo esclusivamente dei luoghi e dell’atmosfera… ma mai delle persone… ho sempre vissuto quelle emozioni frequentando assiduamente questi luoghi da italiano in costa azzurra… altra cosa ben diversa è lavorarci e integrarsi… il calore, a livello umano, non sta certo di casa a nizza…o in quel tratto di costa…

enrico ha scritto un commento il agosto 13, 2011

Buongiorno,
Sono Oriundo,  e mi fa molto piacere vedere ché no sono solo a pensare che Nizza e italiana. Scusa il mio Italiano.
Ciao
Enrico

Diego ha scritto un commento il dicembre 1, 2011

Ciao,insieme a mia moglie stiamo valutando la possibilità di trasferirci a vivere a Nizza a seguito di una proposta di lavoro per Sophia. Quello che ti vorrei chiedere è quale fosse, più o meno, uno stipendio che ti permettesse di vivere in maniera serena, considerando che lavorerei solo io e il costo della vista.
Ho letto che la città più vicina è Antibes e vorrei sapere se fosse una città servita e piacevole per viverci.
Ti ringrazio anticipatamente e ti chiederei eventualmente di rispondermi in privato.
Ciao

Il Nissardo ha scritto un commento il dicembre 9, 2011

Ciao Diego, scusa il ritardo ma sono in viaggio di lavoro. la tua domanda e` molto soggettiva. che dipende vivere in maniera serena? In generale il costo della vita e` simile alle grandi citta` italiane (milano per esempio). Io vivo ad Antibes da 6 anni e mi trovo benissimo (anch’io lavoro a Sophia).

Fammi tutte le domande che vuoi, tempo permettendo ti rispondero` piu` che volentieri.

A presto, Andrea

p.s. ho provato a scriverti in privato ma l’indirizzo era sbagliato….

Anna ha scritto un commento il dicembre 12, 2011

Ciao,
mi sapresti dire quanto sarebbe più o meno l’affitto per una casa con 2 camere in centro ad Antibes?Ma Antibes è cara quanto Nizza?Lavorando in SophiaAntipolis conviene prendere casa ad Antibes? Mi dovrei trasferire a gennaio con la mia famiglia…Grazie mille!

Il Nissardo ha scritto un commento il dicembre 14, 2011

Ciao Anna,
difficile rispondere alla tua domanda, i prezzi variano molto a seconda della zona e del tipo di appartamento. Diciamo intorno ai 1000 euro, ma la forchetta di prezzi può essere molto larga.
Per lavorare a Sophia Antibes è una buona scelta, ma ancora dipende dalla zona di Antibes e dalla zona di Sophia.. puoi passare da 10 minuti a 40 minuti di macchina molto facilmente…
Se hai bisogno di altre informazioni scrivimi pure in privato: ilnissardo su gmail.com.

Agata ha scritto un commento il marzo 7, 2012

Ciao nissardo, sono capitata su questo forum dopo numerosi giri nel web…dopo 3 anni di lavoro a genova, ho l’opportunità di trasferirmi in provenza per lavorare a sophia antipolis…e davvero non so da dove iniziare, a partire dal luogo dove scegliere la mia dimora! purtroppo non conosco il francese e da quel che ho letto per qualche anno sarà dura, anche perchè a quanto pare non siamo molto “benvisti” (per carità a volte anche a ragion dovuta!)… se non ti è di troppo disturbo, potrei contattarti in privato per avere qualche informazione che possa aiutarmi un po’ a dissipare i dubbi?
ti ringrazio anticipatamente

Anna ha scritto un commento il novembre 16, 2012

Ciao Nissardo,  ho trovato e letto il tuo blog con molto piacere.  Mio marito è andato in pensione un anno fa e ci siamo trasferiti ad Antibes che io conoscevo e amavo da moltissimi anni perchè lavoravo sulle barche a vela.  Sono contentissima, mi piace l’atmosfera, l’organizzazione di uno stato che funziona, ho solo la difficoltà a conoscere persone italiane o francesi  perchè non lavorando più non ho modo.  Prima del trasferimento ho seguito un paio di corsi di francese a Roma che mi hanno dato la possibilità di comunicare per lo stretto necessario.  Adesso vorrei studiarlo meglio male scuole private ad antibes e nizza sono molto care e offrono corsi veloci intensivi per chi ha fretta.  Puoi darmi qualche consiglio, tu come hai imparato bene il francese ? 
Grazie grazie

Il Nissardo ha scritto un commento il novembre 20, 2012

Ciao Anna, grazie per il commento.

Come ho imparato il francese… in molti ti direbbero che non l’ho ancora imparato! 🙂 (per prima mia figlia…)

Ho preso la decisione quando sono arrivato di non studiarlo.. una pessima scelta ma al tempo contavo di rimanere al massimo un annetto…
Alla fine l’ho imparato per strada, piano piano. Mi ci sono voluti due anni per iniziare a dire qualche frase, e adesso mi sento abbastanza ferrato da poter parlare anche in ambito professionale.

Il modo migliore è indubbiamente studiare, ma poi usa a pieno i mezzi che hai intorno.. TV, radio, cinema, negozi, conoscenze! È dura lo so, ma alla fine vedrai che riuscirai a cavartela!

Un saluto!

Federica ha scritto un commento il novembre 23, 2012

Salve,come tanti anche io vorrei avere qualche informazione riguardo al discorso medici…tra poco io mio marito e il nostro bimbo di 5anni partiremo x nizza alla ricerca di un lavoro,visto che in Italia abbiamo dovuto chiudere un’attività…la cosa che più ci spaventa e’ comunicare o dove andare se uno di noi si ammala,poi un altra cosa, ci fermeremo credo x il momento il mese dicembre, c’e’ un posto dove posso portare il bimbo x non farlo stare sempre solo a parte il parco? Pensavo ad un asilo ma non so se lo prendono. Grazie 

Il Nissardo ha scritto un commento il dicembre 3, 2012

Ciao Federica. Capisco i tuoi dubbi. Per l’assistenza medica la cosa migliore è partire con la “carta verde” che ti fa l’ASL in italia per l’estero. Ti garantisce che sarai coperta in ospedale.
Il problema della lingua, se non parli francese, esiste.. ma spesso troverai qualcuno che spizzica qualche parola di inglese o di italiano.

Per il bambino, ci sono diverse possibilità.. ma per un solo mese la vedo dura.. dicembre poi.. ma in generale guarderei le haut garderies oppure le strutture private.

Fammi sapere come va. 

This blog is protected by dr Dave\'s Spam Karma 2: 147257 Spams eaten and counting...